Vai al contenuto

Non ti preoccupare, Eugene Kaspersky. Acronis sta preparando una mossa di sicurezza…

Oh ed un tocco di HCI, dice un data protector introducendosi nei mercati adiacenti

Il protettore dell'Analisi dei Dati Acronis sta costruendo un kit di infrastrutture iperconvergenti (HCI) da rilascaire nel 2019 e sta sviluppando un prodotto di sicurezza per il 2020 – i mercati con un piccolo pericolo stanno per essere serviti.

L'estratto di una delle sue recenti presentazioni illustra il piano: Acronis costruirà una base usando i service providers e gli SMB prima di entrare nello storage generale/HCI, in stile Azure Stack, e nell'area di applicazione virtuale ed hardware.

A giudicare dalle slide, la sua strategia sui prodotti di sicurezza sembra essere generalmente la stessa che ha per HCI: costruire una base di prodotti con i service providers e gli SMB e poi creare un business maggiore nell'anno seguente – perciò sarà un prodotto nel 2020 ed un business nel 2021.

Ma, in realtà, il data protector ha detto a The Register che non sta pianificando un attacco frontale al mercato degli HCI e dei prodotti di sicurezza.

Il presidente di Acronis John Zanni ha spiegato che Acronis sta prendendo aspetti del suo prodotto di protezione dei dati e sta fornendo HCI ed istanze di sicurezza.

L'azienda ha oltre 500.000 clienti SMB, oltre cinque milioni di clienti consumer, alcune licenze OEM ed oltre 50.000 partners – con 72 distributori. Basilarmente vende software di protezione dati, insieme a protezione ransomware e validazione dei dati basati su blockchain (Notary).

Vende sia al dettaglio che ai fornitori di servizi cloud – il focus strategico. Acronis ha base in Svizzera, di proprietà privata ed ha il suo quartier generale a Singapore.

I ricavi annuali sono di circa 200 milioni di dollari. L'azienda dichiara che il suo mercato di software al dettaglio sia la parte minore, il 10-15 per cento, ed il mercato cloud sia la parte maggiore – oltre l'80 per cento. Il mercato di fornitura dei servizi cloud dovrebbe superare la vendita al dettaglio nel periodo 2019/2020, secondo gli attuali tassi di crescita.

Acronis salva sul cloud e salva anche dentro al cloud. Ha i suoi data centers cloud, possibilità di multi-locazione dei suoi prodotti, ed ha riscritto il suo software fin dal 2014:

Vuole sviluppare un'infrastruttura di backup scalabile, efficiente e facile da usare, usando questa base di codice, per i suoi clienti CSP. E ha bisogno di fornire recupero dai disastri(DR) – e questo richiede un sistema improntato al DR. Questo è il prodotto HCI di Acronis, costruito per la protezione dei dati, ed userà l'hypervisor Acronis viruoso.

Zanni ci ha detto: "Non puoi avere DR senza computazione."

Per gli SMB è al dettaglio, ma per i CSP è multi-locato e distribuito come servizio.

La funzionalità dei file sync-and-share, come ti aspetteresti, è sulla strada per il prodotto HCI.

Acronis vuole anche prendere la sua funzione di protezione ransomware ed usarla come base del prodotto di sicurezza – sicurezza nel senso di assicurare i dati di backup. In nessun modo vuole entrare nei mercati antivirus o di protezione malware generica, perciò AVG, McAfee, Kaspersky e gli altri non passeranno notti insonni.

L'azienda si spingerà verso le aziende dalla sua base SMB concentrandosi inizialmente sui dispositivi terminali – tablet, mobiles e desktop – e sui luoghi al margine – le filiali.

Possiamo vedere una serie di mosse di mercato adiacenti da un fornitore di backup affermato. Non è una startup ma nemmeno un'azienda con un grosso passato, in continua lotta con Cohesity, Rubrik e Veeam. Sicuramente non ha la taglia di Commvault, un'azienda con oltre 600 milioni di ricavi annuali, nemmeno Veritas, nemmeno Barracuda con 350 milioni(prima che diventasse privata), o Rubrik, a 300 milioni – ma si può confrontare con Carbonite sui ricavi.

È probabilmente più grande di Cohesity e Druva comunque. Oggi Acronis ha circa 1.000 impiegati in 25 ufficio attorno al mondo. Non ci sono piani per un IPO. I suoi rami sono molti e stanno crescendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *